Nuove imprese a tasso zero

5 Finanziamenti 5 Nuove imprese a tasso zero

In conseguenza del rifinanziamento previsto dalla legge di bilancio per il 2022, che ha stanziato complessivi 150 milioni di euro per le misure in favore dell’autoimprenditorialità, è disposta la riapertura dello sportello agevolativo per la presentazione delle domande a partire dalle ore 12.00 del 24 marzo 2022, esclusivamente attraverso la procedura informatica disponibile sul sito di Invitalia.

“Nuove imprese a tasso zero” ha l’obiettivo di sostenere, su tutto il territorio nazionale, la creazione e lo sviluppo di micro e piccole imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile.

A chi si rivolge

Micro e piccole imprese costituite da non più di 60 (sessanta) mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione e in cui la compagine societaria sia composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni ovvero da donne. Possono accedere anche le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa purché esse facciano pervenire la documentazione necessaria a comprovarne l’avvenuta costituzione entro i termini indicati nella comunicazione di ammissione alle agevolazioni.

Cosa finanzia

Sono ammissibili le iniziative, realizzabili su tutto il territorio nazionale, promosse nei seguenti settori:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone ivi compresi quelli afferenti all’innovazione sociale;
  • commercio di beni e servizi;
  • turismo ivi incluse le attività turistico-culturali finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché’ le attività volte al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza.

I programmi di investimento proposti dalle imprese costituite da non più di 36 mesi possono prevedere spese ammissibili non superiori a euro 1.500.000; nell’ambito del predetto massimale può rientrare, altresì, un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante (da giustificare nel piano di impresa e utilizzabile ai fini del pagamento di materie prime, servizi necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa e godimento di beni di terzi), nel limite del 20% delle spese di investimento.

Per le imprese costituite da più di 36 mesi e da non più di 60 mesi, l’importo delle spese ammissibili non può essere superiore a euro 3.000.000.

I programmi dovranno essere realizzati entro ventiquattro mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

 

Potrebbe interessarti anche

Bonus carburante 2022

Il governo ha previsto un buono carburante di 200 euro per tutti i lavoratori dipendenti del settore privato, compresi gli studi professionali. Il bonus benzina 2022, noto anche come bonus carburante, è un contributo messo in campo dal governo per i lavoratori del...

Incentivi per le imprese con contributi a fondo perduto

La legge regionale 9 marzo 2022 n. 3 prevede importanti sostegni sotto forma di contributi in conto interesse e in conto capitale. Ricapitoliamo i principali elementi, non esaustivi, della direttiva. IMPRESE BENEFICIARIE Imprese micro, piccole e medie dei settori:...

Scadenze

Talent Day Fipe

Il tuo momento è l'11 aprile a Cagliari! Confcommercio Sud Sardegna e Fipe Confcommercio presentano la prima edizione...

leggi tutto

Bio in Tour

Gli antichi mestieri e le pratiche agronomiche Le professionalità degli operatori delle filiere bio Le opportunità...

leggi tutto

Contattaci